La Scighera
Evento speciale | Martedì, 26 Maggio, 2015 - 21:30

La Scighera è un esperimento collettivo, che ha elaborato in questi anni di vita, ben nove, forme di lavoro e partecipazione alternative. E' uno spazio dove si pensa e crea un agire collettivo diverso della socialità.

Vi invitiamo a partecipare all'assemblea economica del 26 maggio, alle 21,30, dove vi spiegheremo la nostra situazione, gli equilibri economici che stiamo cercando e le strategie che abbiamo elaborato e scelto. Vogliamo cosi fornire elementi maggiori di trasparenza, per sostenere la partecipazione che non smettiamo mai di promuovere e che è elemento vitale di questo progetto.
Continuiamo a credere nella condivisione di idee e prassi, e quindi anche di economie e bilanci.

Pensiamo alla Scighera come un evento collettivo, in continuo divenire e cerchiamo di sfidare un modello di vita e di società dove tutto è preordinato e determinato; un posto che tenta di gestire orizzontalmente la complessità e di essere sostenibili secondo criteri non commerciali in una città come Milano nell'anno dell’Expo dove oramai tutto è vendibile.

Vi aspettiamo anche per raccontarvi col crowfunding e con la 10 giorni a sostegno del progetto, com'è andata a finire.
Il collettivo della Scighera

leggi l'intero articolo | Leggi tutte le news
Evento speciale | Giovedì, 28 Maggio, 2015 - 19:00

Siamo un gruppo di genitori, educatori/trici e militanti della Scighera, che ha scelto di progettare in prima persona il percorso educativo dei bambini/e.

Ci stiamo attivando per rendere lo spazio della Scighera adatto alle esigenze dei/lle piccolissimi/e e godibile dal primo mattino al pomeriggio.

Ci immaginiamo un luogo in cui genitori ed educatori possano confrontarsi quotidianamente per far nascere una proposta educativa inedita e ritagliata sui bisogni e le attitudini dei/lle bambini/e.

Diciamolo, vorremmo superare la proposta standardizzata che la scuola tradizionale spesso offre!

leggi l'intero articolo | Leggi tutte le news
Concerto | Martedì, 2 Giugno, 2015 - 21:30

A 100 anni dall'ingresso dell'Italia nella prima guerra mondiale l'Associazione Culturale Voci di Mezzo presenta:
Il nemico è alle spalle - il canto sociale nella Grande Guerra
collage di canti, letture e racconti a cura di Lorenzo Valera
con Livia Brambilla e Piero Lenardon

Molti dicevano no alla guerra per convinzioni pacifiste o per motivazioni ideologiche; altri per puro spirito di insubordinazione; la maggior parte semplicemen-te per paura, per amore della vita.
Altri si lasciavano convincere dalla propaganda – sarà una guerra breve, vinceremo facile, sarà l'ultima delle guerre, ci saranno grandi vantaggi per tutti - e partivano pieni di spirito patriottico, salvo poi scoprire in trincea e sui campi di battaglia il volto arcigno e cinico di quella patria così indifferente al destino dei suoi figli, specie quelli più poveri e meno istruiti.

Allora i “no” si levavano in bisbigli, grida, atti di ribellione. E spesso canti, che sfidavano la repressione ferocissima con cui gli ufficiali cercavano di arginare il fenomeno della diserzione.

leggi l'intero articolo | Leggi tutte le news

VENTI centimetri per VENTI centimetri per CINQUE euro: prendi la tua tavoletta in legno, decorala come vuoi e partecipa ad un'opera collettiva per costruire il nuovo bancone della Scighera.
Il tuo segno rimarrà in eterno nella Scighera (e aiuterai la Scighera a diventare eterna).
Ogni piastrella sarà una rappresentazione visiva e visibile della tua partecipazione al progetto Scighera. I 5,00€ che chiediamo per ogni piastrella servono a coprire i costi dell'operazione.
Puoi decorarla con il messaggio che vuoi e con la tecnica che vuoi: solo evita di usare rappresentazioni o testi offensivi oppure simboli partitici.

leggi l'intero articolo | Leggi tutte le news

pubblico

Versione stampabile
warning: Creating default object from empty value in /home/alekos/apa/scighera/PRODUZIONE/lascighera.org/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc on line 33.

Domenica 24 marzo: invito alla mobilitazione dal Comitato La Goccia

La goccia che fa traboccare la Bovisa - lettera aperta agli abitanti del quartiere

Il Comitato La Goccia invita tutti i cittadini della Bovisa e di Milano a partecipare alla giornata di mobilitazione che si terrà nel quartiere domenica 24 marzo dalle 10 alle 13. Questa iniziativa, vivace e musicale, ha come scopo quello di informare la cittadinanza delle trasformazioni che subirà il quartiere nei prossimi anni e, quindi, di invitarla all'assemblea che si terrà venerdì 5 aprile alle ore 20:30 presso la biblioteca di Via Baldinucci. Il ritrovo è previsto alle ore 10 in Piazza Bausan e ci si spostera per le vie del quartiere giungendo, infine, in piazza Alfieri.
Ad accompagnarci ci sarà la musica della Banda degli Ottoni e il coro delle Voci di Mezzo.

Vi aspettiamo!

Donne Incanto, folk al femminile

Una due giorni di musica, canti, balli e laboratori al Femminile, in collaborazione con il gruppo Moirarmoniche, più volte ospite sul palco della ScigheraLeggi tutto

 

Il mestiere del comico 2013

Percorso formativo per tutti gli attori che vogliano specializzarsi della meravigliosa arte del far ridere

27-28 aprile il Grammelot: la lingua universale - con Matteo Belli
11-12 maggio La natura della comicità e del riso 1 - con Philip Radice
1-2 giugno Alla ricerca della propria destrezza: giocoleria, acrobatica, equilibrismi - con Claudio Cremonesi
15-16 giugno La natura della comicità e del riso 2 - con Philip Radice

Appello No Tav alla cultura milanese

Per firmare l'appello clicca qui

Dagli albori del secolo si discute
se la poesia sia dentro o fuori.
Dapprima vinse il dentro, poi contrattaccò duramente
il fuori e dopo anni si addivenne a un forfait
che non potrà durare perché il fuori
è armato fino ai denti.

(Eugenio Montale)

Mettere in crisi il proprio tempo è il primo compito della cultura e dell’arte.
Non risparmiarsi davanti all’incognito, nutrire lo scandalo, sposare l’alternativa, impicciarsi del “viceversa”. Non vi è altra via interessante e fertile che questa. L’intellettuale, l’artista è per sua natura in cammino, e camminando pone domande scomode, capaci di de-costruire una opinione sempre più spesso “pubblicitaria” invece che “pubblica”.

Condividi contenuti